Inquadra il QR Code con l'apposita APP

Apri da mobile

Raggiungi facilmente la località con il navigatore
Chiudi

Back to Deruta - Sacred and Profane Beauty

655
visualizzazioni
dal 01/01/2019
Mostre Umbria
da Sabato 19/05/2018 a Sabato 30/06/2018
Deruta (PG)
Una mostra dedicata alla maiolica Rinascimentale di Deruta. 
69f9dbbe Contenuto di fa8cfb69 UmbriaEventi 31afad60
e465309e Contenuto di 3a51c5c1 UmbriaEventi 1b3f9c16Un ritorno a Deruta, dopo cinquecento anni, quello delle ventiquattro maioliche rinascimentali che saranno esposte dal 19 maggio al 30 giugno 2018, al Museo Regionale della Ceramica.
225582a6 Contenuto di 1c6d66ee UmbriaEventi 7313d3ad
9bfa32cb Contenuto di 1a8c5eca UmbriaEventi e57233d8Provenienti da collezioni private, le opere selezionate  da Camille Leprince e Justin Raccanello con la consulenza di Elisa Paola Sani, illustrano efficacemente le rappresentazioni della bellezza sia sacra che profana che i pittori e i maestri vasai derutesi resero, in stretto rapporto con la pittura umbra di Perugino e Pinturicchio, nelle ricercate  maioliche policrome e a lustro che fra Quattro e Cinquecento resero Deruta famosa.
122e56ea Contenuto di af9d3938 UmbriaEventi 4e79419f
4b32debc Contenuto di b23234be UmbriaEventi a0e60b76Presentata alla Frieze Masters di Londra del 2017, la edizione italiana della  mostra Sacred and Profane Beauty, Deruta Renaissance Maiolica, è curata dal Museo della Ceramica di Deruta su iniziativa del Comune di Deruta nell'ambito delle azioni di valorizzazione e recupero del patrimonio culturale derutese.
5fd0d0bc Contenuto di e78111ab UmbriaEventi 23b83373
cfa2f26b Contenuto di 7295a214 UmbriaEventi 57e73866Le opere in mostra sono state selezionate da Camille Leprince e Justin Raccanello con la consulenza di Elisa Paola Sani già collaboratrice del Victoria & Albert Museum, ed oggi tra i massimi esperti di ceramica rinascimentale, il cui studio critico è raccolto nel catalogo illustrato in lingua inglese che accompagna la mostra con un saggio introduttivo di Giulio Busti e Franco Cocchi, cui si deve anche l'attuale allestimento della mostra nella sala Magnini del Museo Regionale della Ceramica.
3624e479 Contenuto di f2df8e2e UmbriaEventi 6baf1aa9