Sagra Spezzatino di Cinghiale Arvoltolo 2018 a Migliano | UmbriaEventi
Inquadra il QR Code con l'apposita APP

Apri da mobile

Raggiungi facilmente la località con il navigatore
chiudi
Chiudi

Sagra Spezzatino di Cinghiale, Arvoltolo e Prodotti Tipici Umbri 2018

4089
visualizzazioni
dal 01/01/2018
Sagre e Feste Paesane Umbria
da Venerdì 20/07/2018 a Domenica 29/07/2018
Migliano (PG)

La Sagra dello Spezzatino di Cinghiale, dell' Arvoltolo e dei Prodotti Tipici Umbri nello storico borgo di Migliano presenta una nuova edizione.
9266417e Contenuto di dbfb4513 UmbriaEventi c0e5bec7
186cc265 Contenuto di 4cf4836c UmbriaEventi d2c75080Migliano nell'anno 1131 è menzionato come località di confine nel distretto di Perugia, territorio di recente acquisizione Imperiale ad opera del Barbarossa. Gli stessi documenti, custoditi nella Biblioteca Benedettina in Perugia, citano il codice di "Cencio Camerlengo" nel quale si legge che la chiesa di S. Maria Assunta in "Massa De Miliano" nell'anno 1190 è tributaria del Monastero Benedettino in S. Pietro.
b646f0b6 Contenuto di 26cf3770 UmbriaEventi a7e9c3fe
466cce17 Contenuto di 691d4317 UmbriaEventi aa90e58dLa storia di Migliano è ricca di avvenimenti ed è legata fin dal secolo XIII alla famiglia dei Conti di Marsciano, i nobili Bulgarelli.
88983fe7 Contenuto di 3a9d618e UmbriaEventi aa99f622Per circa due secoli, dal 1320 al 1484, illustri personaggi della stirpe dei Conti di Marsciano nacquero in Migliano: Pier Giovanni Di Petruccio, Manno, Ranuccio, Antonio Di Ranuccio XVIII Conte del ramo diretto dei Bulgarelli, Antonio "Da Migliano", forse il più grande della sua stirpe, fu condottiero di grande valore al servizio di Venezia e di Firenze.
a8d95646 Contenuto di 2300622b UmbriaEventi 07ee518dNel XVII secolo il casato dei Bulgarelli si estingue e Migliano, eretto a Marchesato, passa a Giovanni Antonio Monaldi Marchese di Migliano.
082990a7 Contenuto di 04df65c9 UmbriaEventi bbd22ddfLa breve cronistoria di Migliano si conclude con un curioso riferimento: nell'anno 1517, Papa Sisto V, un tale "Milio de Pollonio", riscuoteva 95 baiocchi dai massari di Migliano per il censimento che poi consegnò agli illustri padroni del castello; in quella occasione risultarono esistenti 58 "fochi" (famiglie).
883d8cd4 Contenuto di 98a8cc93 UmbriaEventi 4e48bb8cInteressante rilevare che la popolazione di Migliano in quell'epoca era più numerosa che oggi.

30fe8e1a Contenuto di 6c7bc4c3 UmbriaEventi 7edebb23