Inquadra il QR Code con l'apposita APP

Apri da mobile

Raggiungi facilmente la località con il navigatore
chiudi
Chiudi

La Cavalcata di Satriano 2017

136
visualizzazioni
dal 01/01/2018
Manifestazioni e Festival
da Sabato 02/09/2017 a Domenica 03/09/2017
Nocera Umbra (PG)
La storia racconta che San Francesco, ormai malato, fu riportato nella sua città natale da un gruppo di cavalieri che lo andarono a riprendere a Nocera Umbra, transitando per Satriano.
5db6c0d1 Contenuto di e2ddcf4e UmbriaEventi 7e4b2a37La rievocazione si celebra con il passaggio, tra le terre di Nocera Umbra ed Assisi, di un gruppo di cavalieri che, in costume d'epoca, riporcorrono l'ultimo viaggio di Francesco per consegnare ai primi cittadini delle rispettive città una pergamena contenente messaggi augurali.
d4adbf08 Contenuto di 195a84d3 UmbriaEventi 8f60fe55
27e716c5 Contenuto di 1a7e55b6 UmbriaEventi 4c6c68f4Nel 1226, sul finire dell’estate, San Francesco tornò gravemente malato ad Assisi dopo aver trascorso un periodo che lo vide sottoporsi ad estenuanti terapie per il male incessante che lo affliggeva agli occhi: da Rieti fu portato a Siena, poi al conventino delle Celle presso Cortona e, infine, a Bagnara, nelle vicinanze di Nocera Umbra.
ca5ad812 Contenuto di d116755b UmbriaEventi 538c3cca
e9a4b0f7 Contenuto di c5dc3060 UmbriaEventi 1bed17d4Secondo le Fonti Francescane, i cittadini di Assisi, messi al corrente della gravità del male, inviarono una solenne delegazione di cavalieri che riportò il Santo in corteo fino alla Sua città natale.
c27cdb98 Contenuto di 58522db4 UmbriaEventi 8f53ce3bFrancesco e i cavalieri lungo il tragitto si fermarono presso Satriano, villaggio tra Assisi e Nocera Umbra; affamati, cercarono qualcosa da comperare ma tornarono a mani vuote, così Francesco disse loro: "Se non avete trovato niente, è perché avete più fiducia nelle vostre mosche che in Dio. Ma tornate indietro nelle case da cui siete passati e domandate umilmente l'elemosina, offrendo come pagamento l'amor di Dio e non crediate che questo sia un gesto vergognoso o umiliante. È un pensiero sbagliato, perché il Grande Elemosiniere, dopo il peccato, ha messo tutti i beni a disposizione ne dei degni e degli indegni, con generosissima bontà" (Vita Secunda, Tommaso da Celano). e4354d3b Contenuto di 1a9eb5a7 UmbriaEventi 27664586

 

d3a92ed8 Contenuto di 309752bf UmbriaEventi 9aa552cd